Part. Senza Titolo, 2010, tecnica mista, cm 75 x 150
Conoscevamo bene la personalità dinamica e ribelle di Francesca Zorzi che con grinta e carattere scavava nella vita, come nei solchi delle sue opere fatte di pittura e gesso.
L’abbiamo seguita, anno dopo anno, tra una partenza e un ritorno per l’estero o il Ticino, convinti delle sue doti e grande potenziale, che esprimeva nella sua appassionata ricerca della figurazione umana, ma anche della “dimensione uomo”, quella interiore.
Avevamo messo in cantiere il progetto di una sua personale, qui, allo Spazio Arte e Valori nel 2018, ma lei ha deciso di “varcare la soglia” prima di poterla realizzare insieme.
Con affetto siamo noi a renderle, dunque, questo omaggio, ricordando i nostri incontri e l’amicizia che ci legava.

LOCANDINA



Francesca Zorzi nasce a Bellinzona nel 1955. Studia al CSIA (Centro Scolastico per le Industrie Artistiche) di Lugano, dove fa esperienza con diverse tecniche e materiali; predilige la scultura in marmo e gesso. Si diploma, in seguito, nelle discipline di scenografia e costume all’Accademia di Belle Arti di Brera (Milano).
Nel 1990 si trasferisce a Hong Kong per un soggiorno di alcuni anni, dove si specializza in decorazioni murali e nella tecnica del “trompe l'oeil”. Impara ad imitare i materiali più svariati come marmo, granito, lapislazzuli, nonché il legno nelle sue gradazioni di colore e venature. Nascono illusioni prospettiche e creative.
Le decorazioni murali la portano successivamente a lavorare con la pittura e il disegno sul gesso, incidendolo a mò di graffiti e definendo così una peculiare forma di “affresco contemporaneo”.
La tecnica che contraddistingue il suo lavoro si costituisce, quindi, in strati di gesso dipinto, scavato e inciso, con cui realizza raffigurazioni astratte che danno risalto al disegno e ai valori plastici del corpo umano.
Francesca Zorzi ha vissuto a Santa Fe, New Messico, negli Stati Uniti, dove ha lavorato per oltre un ventennio.
Tutte le cose create sono soggette al cambiamento.
Anche l’uomo.

(Sathya Sai)

© 2017 Arte e Valori | Spazio Polivalente